Benevento, De Zerbi: “Voglio rivedere lo spirito della gara col Chievo”

Benevento, De Zerbi: “Voglio rivedere lo spirito della gara col Chievo”

Per la prima volta in stagione, il Benevento può ambire a bissare una vittoria. I sanniti lo faranno in casa, contro la Sampdoria, a presentare la gara ci pensa ovviamente il tecnico Roberto De Zerbi, come riportato da calcioealtro.it: “Situazione infortunati non è bellissima, ma non mi fascio la testa perchè il passato recente dice che quando un giocatore è chiamato in causa fa sempre la sua parte. Billong ha ricevuto il transfert dalla Slovenia ed è utilizzabile e vediamo se è il caso di schierarlo o meno confermando la difesa di sabato scorso. Letizia e Del Pinto non sono utilizzabili, ma ai 14 utili da schierare ci arriviamo”.

Sulla formazione.
“La peggiore da incontrare ora per qualità di gioco. A Napoli la Samp è stata superiore e ciò la dice lunga sulla qualità e l’organizzazione della squadra. Squadra allenata da uno dei miglior allenatori in Italia che stimo come professionista e persona, ma è anche vero che hanno perso punti contro squadre che lottano per retrocedere. Io penso che non dobbiamo preoccuparci troppo dell’avversario, dobbiamo fare risultati con tutti sapendo che sarà una partita di gran sofferenza e non è detto che non si possa fare risultato”.

Sulla possibilità di ripetere la gara contro il Chievo.
“Squadra con lo stesso spirito di sabato scorso per fare risultato domani. Non ci può essere appagamento ovviamente ma questo è l’esame di maturità del singolo e della squadra, entrare con il sangue agli occhi cosi come contro il Chievo. Contro i veneti il risultato è arrivato proprio per questo motivo, se arriviamo prima sul pallone e ci mettiamo la giusta grinta possiamo fare risultato contro la Sampdoria”.

Sul mercato.
“Stiamo facendo delle operazioni mirate a seconda di quello che serve al Benevento e dell’idea di gioco e bisogna continuare cosi. Ci saranno delle uscite per sfoltire a livello numerico la rosa. Ciò avverrà dal 7 gennaio in poi. Gli acquisti già ufficializzati servono anche a dare speranza all’ambiente e alla squadra”.

Su Cataldi.
“Può andare a Roma a farsi due giorni, a meno che non chiede lui di andare via da Benevento , ma non penso che ciò succederà”.

Sulla salvezza.
“Non parlo di salvezza con presunzione altrimenti si capisce una cosa per un’altra. Alla società non si può dire nulla: deve crescere cosi come l’allenatore e la squadra. Dobbiamo avere l’ambizione di guardare più in là con la partita contro la Sampdoria, pensare al mercato avendo in mente che dobbiamo raggiungere i 25-30 punti.. Se iniziamo a stilare tabelle e non ci prepariamo bene gara dopo gara vuol dire che non siamo sulla buona strada”.

Sul ritiro.
“Ho chiesto io di andare in ritiro per accelerare un percorso lavorando tanto sul campo e anche al di fuori, per creare l’amalgama giusta. Saranno fatte sedute video e doppi allenamenti per accelerare questo percorso. L’importante è che in campo siano squadra, pensare che con te non gioca un compagno ma tuo fratello. Non credo ai gruppi fuori dal campo. Se ci sono è meglio, aiutano, ma non è sempre così”.

Categoria: Serie A
Fonte: tuttomercatoweb.com