Dalla A alla B per rilanciarsi: 12 possibili grandi colpi per la cadetteria

Dalla A alla B per rilanciarsi: 12 possibili grandi colpi per la cadetteria

Gennaio, tempo di buoni propositi e anche di qualche bilancio. Soprattutto per alcuni calciatori che questa estate avevano sicuramente prospettive più rosee nei propri club di appartenenza in Serie A e invece adesso saranno costretti a fare le valige per cercare fortuna altrove.

La cadetteria è una ottima categoria dove ritrovare continuità e per esprimere il proprio talento e sicuramente giocatori come quelli che elencheremo farebbero gola a molti. Chi sono i calciatori che si potrebbero rilanciare in Serie B?

1. Luca Vido – Attaccante – Atalanta – Classe 1997: Su di lui si è registrato il forte interessamento del Cittadella, anche tramite le parole del suo Presidente, Marchetti, il quale ha dichiarato:” Riprenderlo? Vido mi piace, lo posso dire pubblicamente. Lo stimo molto, e credo che anche a lui farebbe comodo un ambiente come il nostro, che tra l’altro conosce già bene avendoci giocato per qualche mese. L’allenatore lo stima tanto, ma non sempre quando tutti questi aspetti combaciano, trovano riscontri positivi, la trattativa si conclude positivamente, perché entrano in ballo tanti altri aspetti, anche quello economico, e Marchetti non può sistemare e mettere d’accordo tutti. L’ambiente dove Vido si è espresso al meglio è stato quello di Cittadella, all’Atalanta non è stato quasi mai impiegato. Vido potrebbe dare una grossa mano a noi, ma credo pure che il Cittadella possa davvero dare una grossa mano al giovane per crescere ancora. Assieme saremmo il top. Sono convinzioni mie”. Quest’anno Gian Piero Gasperini ha impiegato il giovane centravanti solo 4 volte, per un totale di 70’ di gioco effettivi, poiché chiuso dai due tori orobici Petagna e Cornelius, sapere di un talento così fulgido sempre in campo probabilmente farebbe piacere anche al presidnete Percassi.

2. Andrew Gravillon – Difensore – Benevento – Classe 1998: 83 minuti in stagione spalmati su due presenze e con il rientro di Lucioni il posto sembra essere sempre meno: quasi obbligato a fare le valigie questo difensore scuola Inter. Su di lui c’è l’interessamento del Pescara, intenzionato a sovvertire una stagione anonima.

3. Ledian Memushaj – Centrocampista – Benevento – Classe 1986: 31 anni e esperienza da vendere, Cremonese e Bari hanno fatto capire che sarebbero disposti a fare follie invernali per averlo. Lui, al contrario di molti altri in questa lista, il suo spazio lo ha conquistato. Adesso sta a lui scegliere: continuare a giocare in A ma accettando il fallimento quasi certo della stagione giallorossa o provare a combattere per tornare in A dalla cadetteria?

4. Nicolas Benito Viola – Centrocampista – Benevento – Classe 1989: Sembrava essere uno dei nomi più caldi di questo mercato cadetto, poi con il passere dei giorni il suo nome è cominciato a circolare sempre di meno. Su di lui si è registrato l’interesse di Spezia e Bari. Per Viola vale praticamente lo stesso discorso fatto su Memushaj.

5. Federico Melchiorri – Attaccante – Cagliari – Classe 1987: Per lui è tutto pronto, si riparte da Cesena. Per rilanciarsi e tornare ad essere il giocatore che la scorsa stagione permise al Cagliari di violare il San Siro Neroazzurro.

6. Luca Garritano – Centrocampista/Ala – Chievo Verona – Classe 1998: 9 Presenze in 158 minuti, su di lui c’è il solito Bari. I Galletti avrebbero la carta per convincere la società del presidente Campedelli a cedere il centrocampista. Qualora Inglese raggiungesse la corte di Maurizio Sarri a Napoli, uno scambio con Floro Flores non sarebbe impossibile da pronosticare, affare da tenere d’occhio, saranno decisive le prossime due del Chievo. Garritano piace a tutti. Corteggiato.

7. Assane Gnoukouri – Centrocampista – Inter – Classe 1996: Il ventunenne ivoriano deve rilanciarsi e la Serie B potrebbe essere la categoria giusta. Gnoukouri è fermo dal gennaio scorso quando l’Udinese riscontrò un problema cardiaco nel corso delle visite mediche, problemi che adesso per ammissione del suo agente sono alle spalle. Sarebbe un gran bel colpo per tutte le squadre cadette. Noi facciamo tutti il tifo per lui.

8. Simone Palombi – Attaccante – Lazio – Classe 1996: Trasferimento in famiglia per la punta biancoceleste, che si trasferirà da Roma a Salerno per fare esperienza e cercare di giocare con continuità. Su di lui la Lazio ci punta, adesso dovrà mettersi in mostra. Da tenere d’occhio.

9. Josè Mauri – Centrocampista – Milan – Classe 1996: Il Milan non vuole commettere l’errore fatto con Cristante e Verdi, dunque questo giovane di talento lo vuole continuare a supervisionare. Fuori dal progetto tecnico di Montella prima e Gattuso poi, Josè Mauri si muoverà sicuramente verso la Serie B. Su di lui c’è il Venezia ed anche il solito Bari, che vuole evidentemente migliorare il suo centrocampo.

10. Abdullahi Nura – Terzino Destro – Roma – Classe 1997: Nember, DS del Foggia, non ha nascosto il suo interessamento. Nulla di concreto ma questo terzino sicuramente potrebbe fare molto bene “al piano di sotto” soprattutto per dimostrare di aver superato brillantemente un brutto infortunio che lo ha tenuto ai box per 9 mesi.

11. David Ivan – Centrocampista – Sampdoria – Classe 1995: Come lo scorso anno per il 21enne slovacco il rapporto con Giampaolo sembra essere al capolinea. La Serie B potrebbe essere un campionato adatto per riprendere il ritmo partita e per far vedere il suo talento, la Samp non vorrebbe privarsene quindi una ipotesi prestito non è da scartare.

12. Filip Djuricic – Trequartista – Sampdoria – Classe 1992: E’ più una suggestione, dato che di interessamenti concreti non se ne registrano, se non quello del Benevento. Djuricic, nazionale serbo e Campione di Portogallo, sarebbe un autentico crack in Serie B, bisogna solo convincerlo a scendere di categoria.

Fonte: www.serieb.news

Categoria: Rassegna stampa