Facciamo i conti: Lecce e Foggia, lanciato il guanto di sfida. Taranto beffato sul gong

Facciamo i conti: Lecce e Foggia, lanciato il guanto di sfida. Taranto beffato sul gong

Questo è il momento di fare i conti. Nel bene e nel male. Le società pugliesi si sono mosse più o meno tutte bene, hanno portato a termine gli obiettivi sul mercato. E’ stato un gennaio ricco di movimenti, trattative, voci, indiscrezioni, retroscena. Il nostro primo mercato insieme. E ce l’abbiamo messa tutta per raccontarvi anche il dietro le quinte. Non sappiamo se ci siamo riusciti, sappiamo di aver fatto del nostro meglio e le centinaia di migliaia di letture del mese ci inorgogliscono.

Il Lecce ha fatto quello che avrebbe dovuto fare: è arrivato l’attaccante tanto sognato, così come il portiere. Marconi e Perucchini sono due calciatori in grado di fare la differenza in questo campionato. La filosofia è quella dei pochi colpi, ma buoni. La squadra giallorossa è prima in classifica, anche se qualche tifoso sembra averlo dimenticato: rafforzarsi con due calciatori è la scelta migliore. Una base c’è già.

Così come c’era una base anche al Foggia, che è stata però la vera e propria regina del mercato invernale. Di Piazza ha già fatto una doppietta, Deli è uno che alla lunga tornerà utile. Serviva sistemare la difesa ed è arrivato Figliomeni. Mercato da Serie B. L’ennesimo investimento della proprietà rossonera deve portare i frutti sperati nel giro di qualche mese. Ora Stroppa non ha più attenuanti.

Monopoli e Andria hanno cambiato qualcosina, nell’ottica di due squadre che stanno facendo piuttosto bene. I biancoverdi fanno il colpo Carissoni, sistemano la mediana e trattengono Montini, fino a giugno, riuscendo anche a monetizzare un calciatore che oggi sarebbe potuto andare via gratis. L’asse col Bari è il colpo vincente di Mariotto. Dall’altra parte Doronzo lavora con intelligenza: riesce a sfoltire una rosa lunghissima, prende Croce ma perde Matera e Poluzzi, entrambi finiti in B. L’Andria probabilmente farà i play-off, ma è giusto iniziare a mettere farina nel sacco per la prossima stagione. E’ così che si programma, anche con il denaro di qualche cessione azzeccata. Seppur dolorosa.

La Virtus Francavilla fa il compitino, perché il mercato estivo era stato a dir poco perfetto: via De Angelis, così da alleggerire anche il monte ingaggi, arriva la scommessa Ayina. Tutto come previsto nel tormentone Nzola: c’è un mezzo accordo con la Fiorentina, forse anche qualcosina in più. Però rimane.

Il Taranto viene beffato nel finale dalla follia del Messina di bloccare una trattativa già fatta. Effetto domino: salta tutto anche nello scambio col Modena che avrebbe portato Pirrone in Emilia Romagna. Il mercato dei rossoblù rimane aperto, serve qualcosina. De Poli ha comunque rafforzato la rosa, pur con un pizzico di sfortuna.

Fonte: www.tuttocalciopuglia.com

Categoria: Rassegna Stampa