Foggia-Casertana 30 novembre 2015

Foggia-Casertana 30 novembre 2015

 

Partita molto sentita quella contro la Casertana in casa, incontriamo la capolista. Archiviato il pareggio esterno con il Catania, l’attesa di giocare il posticipo allo Zaccheria è snervante, quasi un assillo.
Noi vogliamo come sempre i 3 punti in palio ed abbiamo il vantaggio di giocare nel nostro stadio. Vogliamo sfruttare al meglio la nostra pressione, vogliamo essere il 12 uomo in campo, abbiamo la consapevolezza che il nostro tifo farà la differenza.
La curva è strapiena, così come l’intero stadio. Le squadre si apprestano ad entrare in campo ed è quello il momento per abbassare il copricurva. E’ un attimo. Dall’alto caliamo il telone e la SUD si colora di rossonero e sopra di esso sventolano i bandieroni, con giochi di luce a fare da cornice a tutto…CHE BELLO E’ QUANDO ESCO DI CASA PER ANDARE ALLO STADIO A TIFARE IL MIO FOGGIA!
E’ una bolgia. Esaltazione generale!
I nostri in campo si fanno rispettare e noi sugli spalti ci carichiamo sempre più. La curva è sempre molto colorata, tante bandiere al seguito e i nostri cori sono potenti, carichi.
Tanti i cori di sfottò per i nostri avversari che, giunti in discreto numero, non riusciranno mai a sentirsi distintamente. Per loro solo molto show, vista la massiccia presenza di F.d.O. e una serie di cori di scherno da ogni settore dello Zaccheria.
Goduria allo stato puro esultare con la loro presenza, quasi ci mancava avere di fronte i nostri avversari, ormai è una concessione rara, quasi un miraggio. Ribadiamo il nostro NO AL CALCIO MODERNO!
Durante la partita vengono esposti alcuni striscioni. Nell’intervallo, dedichiamo uno striscione ai ragazzi dell’ANPIS – FORZA RAGAZZI!
Altro striscione nel secondo tempo, questa volta è per un ragazzo foggiano, uno che come noi ha il Foggia nel cuore- ANDREA SCARPA ORGOGLIO FOGGIANO!
La partita è in discesa e il rigore segnato non fa altro che esaltare la Sud. Il tifo diventa incessante, continuo. Come al solito sempre tanto colore durante i 90 minuti con bandieroni al vento e una bella sciarpata. Dopo la seconda marcatura, la vittoria è ormai una pratica archiviata ed in curva ci si diverte senza freni, non trascurando i tifosi avversari. Il triplice fischio sul 2 a 0 a nostro favore ci dà consapevolezza di quanto i satanelli abbiano tutte le qualità per poter primeggiare in campionato.
La vittoria è di tutti!
La squadra è sotto di noi, tutto lo stadio risponde al nostro invito… CHI NON SALTA DI CASERTA E’!

COME PRIMA PIU’ DI PRIMA
INDOMABILI 1990
FOGGIA

 

Categoria: La voce del tifoso