Le telecamere di Sky e lo Zaccheria sempre pieno: così il Foggia riparte dalla Serie B

Le telecamere di Sky e lo Zaccheria sempre pieno: così il Foggia riparte dalla Serie B

Il match di Serie B tra la squadra locale dei cosiddetti ‘Satanelli’ e la Virtus Entella, terminata con il punteggio finale di 1-1.

“E’ stata una bella partita di Serie B ed il pubblico è stato fantastico: sapevo l’ambiente sarebbe stato importante ma non credevo fino a questo punto”, firmato Gianpaolo Castorina. E quando i complimenti arrivano dall’allenatore della squadra in trasferta, allora c’è davvero da crederci.

Il pubblico dello Zaccheria

Parliamo del pubblico dello “Zaccheria” di Foggia, stadio in cui ieri si è disputato il match di Serie B tra la squadra locale dei cosiddetti “Satanelli” e la Virtus Entella, terminata con il punteggio finale di 1-1. Ma lo spettacolo, probabilmente più che in campo, lo si è visto sugli spalti: 11906 spettatori (tra i quali tre indomiti supporters dei liguri, ndr) che hanno cercato di spingere la squadra di Stroppa a cercare la vittoria dal primo al 90’, ed anche oltre, dato che l’urlo del successo è rimasto strozzato in gola a (quasi) tutti i presenti quando il tiro di Beretta ha impattato nei minuti di recupero sul palo. Ovviamente risposta oltre la media – in questa seconda giornata di Serie B è di 6735 persone presenti sugli spalti (tra paganti ed abbonati, ndr) anche se questo dato è certamente falsato dalla partita giocata casalinga del Frosinone giocata sul campo neutro di Avellino, poiché i ciociari sono in attesa che vengano terminati i lavori del nuovo “Stirpe” – quella del pubblico foggiano, dettata anche dal lungo periodo di assenza dalla cadetteria, esattamente dal 14 giugno 1998 e quindi per ben 19 anni.

Ritornano le telecamere

Lo stadio “Zaccheria”, nel corso dell’estate, si è “rifatto il trucco” per farsi bello agli occhi non solo del pubblico presente allo stadio ma anche a tutti coloro che seguiranno le vicende dei rossoneri attraverso la piattaforma satellitare SKY: impianti audio e di illuminazione rinnovati e potenziati, ledwall pubblicitari perimetrali e, per la prossima partita, seggiolini rossoneri nel settore inferiore della Tribuna Est, meglio conosciuta come “Gradinata”.
E pensare che il Foggia è anche stato presente nel vero e proprio esordio del calcio in Pay per View: era il lontano 29 agosto 1993 quando l’ormai defunta TELE+ trasmise sul proprio canale numero 2 la partita tra Lazio e Foggia (conclusasi con un pareggio a reti bianche, ndr), in diretta dallo Stadio Olimpico di Roma, che segnò l’inizio di una vera e propria rivoluzione dal punto di vista sociale ed economico del calcio nostrano.

Fonte: www.tiscali.it – Armando Borrelli

Categoria: Rassegna stampa