Lega Pro Girone C, il programma della trentunesima giornata

Lega Pro Girone C, il programma della trentunesima giornata

Mancano sempre meno giornate alla fine della regular season del girone C di Lega Pro, le protagoniste sono sempre più sulla graticola e costrette alla costante ricerca dei tre punti. Questo lo sanno bene Salernitana e Benevento, appaiate in testa alla classifica a 64 punti e autrici di un testa a testa al cardiopalma; gli stregoni faranno visita alla Casertana mentre i granata saranno impegnati nell’ostica trasferta di Catanzaro. Il Lecce e la Juve Stabia, entrambe in corsa per un posto ai play-off avranno delle partite facili sulla carta contro Aversa Normanna ed Ischia, desiderose di conquistare comunque fondamentali punti salvezza. Nelle retrovie sono chiamate alla vittoria anche la Reggina in casa contro il Melfi e il Messina nel difficile impegno casalingo contro il Cosenza; il Foggia, invece, dovrà riscattarsi dall’ultimo periodo sul campo della Lupa Roma.

Casertana – Benevento. Il big match di giornata è sicuramente questo derby campano; le due formazioni hanno alte aspettative su questa partita e andranno alla disperata ricerca delle vittoria per perseguire i propri obiettivi. I falchetti di Campilongo vengono da uno scialbo pareggio sul campo dell’Ischia, risultato che ha frenato parzialmente le loro ambizioni e non gli ha permesso di attestarsi in solitaria al terzo posto. La Casertana ha sicuramente in Cissè un’arma importante nel suo arsenale, il sogno della promozione in serie B passa sicuramente da una vittoria contro gli stregoni. Benevento che invece è riuscito a recuperare nella scorsa giornata il divario dalla testa della classifica e ora si trova in co-abitazione con la Salernitana. Gli uomini di Brini, dopo la convincente vittoria di Lamezia sono chiamati alla continuità e allo scacciare definitivamente il periodo nero che hanno attraversato sino a due settimane fa. (venerdì ore 20.45 – arbitro Marini di Roma1)

Messina – Cosenza. Umori opposti quelli che si scontreranno al San Filippo sabato pomeriggio. Il Messina è in piena crisi e non riesce più a vincere, con la cacciata di Grassadonia sembra che la musica non sia cambiata; infatti i peloritani la scorsa giornata sono usciti sconfitti dalla scontro con il Foggia senza mostrare alcuna reazione. La situazione degli isolani è critica, solo 25 punti conquistati con Ischia e Reggina alle proprie spalle che pressano e sperano nel sorpasso. Il Cosenza, invece, è a metà classifica in una posizione tranquilla e ben lontano dai patemi per la retrocessione, oramai bastano pochi punti per ritenersi definitivamente salva. I lupi la scorsa partita hanno ottenuto un’importante vittoria in casa contro il Lecce, nella trasferta di sabato cercheranno di mettere un altro mattone sulla loro permanenza in terza divisione. (sabato ore 14.30 – arbitro Illuzzi di Molfetta)

Paganese – Savoia. Derby e scontro salvezza. Gli ingredienti principali sono questi e la ricetta si chiama sicuramente “permanenza in Lega Pro”. La Paganese viene da una brutta sconfitta in quel di Barletta e ha visto ridursi ancor di più il suo distacco dalla zona salvezza. I ragazzi di Sottil sono in un periodo delicato fatto di prestazioni altalenanti alla ricerca di una sicurezza. Il Savoia, invece, ha rialzato la testa contro il Catanzaro vincendo nettamente 4-1 e cerca, almeno sul campo, la salvezza in terza divisione. I noti problemi finanziari del club di Torre Annunziata stanno certamente influenzando i pensieri di Scarpa e compagni, ma la voglia di dimostrare il loro valore e raggiungere l’obiettivo potrà essere un pericolo costante per gli azzurrostellati. (sabato ore 14.30 – arbitro Pelagatti di Arezzo)

Matera – Vigor Lamezia. Il Matera rivede la luce. Dopo il blitz negli ultimi secondi allo Stadio Arechi battendo la Salernitana, i lucani sono sempre più in corsa per un posto nei play-off. Gli uomini di Auteri, dopo un periodo di calo a metà campionato, hanno ripreso la marcia iniziata mesi fa e si stanno facendo sempre più pericolosi alle spalle del duo Juve Stabia-Casertana. Infatti, la vittoria nel posticipo ha permesso al Matera di superare il Lecce e di rendersi una seria candidata alla promozione. L’avversario è il Vigor Lamezia, squadra ormai appagata da una salvezza sicura, forte dei suoi 39 punti e della convinzione che oramai serva solo una vittoria per festeggiare la permanenza in terza divisione. Gli uomini di Erra hanno dimostrato ampiamente nella sconfitta contro il Benevento che hanno la testa altrove e, non mettono più la stessa intensità di cui si erano resi protagonisti nelle scorse settimane.  (sabato ore 15.00 – arbitro D’Apice di Arezzo)

Lecce – Aversa Normanna. La ricerca del riscatto per raggiungere l’obiettivo. Il Lecce proviene da due cocenti sconfitte contro Salernitana e Cosenza, ha perso molto terreno nei confronti delle dirette concorrenti ai play-off e cercherà di agganciare il treno perduto nella gara di sabato. I ragazzi di Bollini cercheranno di vincere contro un avversario ostico e con la pressione di una piazza oramai stanca di dover militare ancora un anno in Lega Pro. Dall’altra parte vi sarà un’Aversa Normanna in forma, fatta eccezione per la brutta battuta d’arresto patita in casa contro la Reggina una settimana fa, desiderosa di guadagnare punti salvezza fondamentali e far ricredere gli scettici che già la davano per retrocessa. (sabato ore 16.00 – arbitro Mainardi di Bergamo)

Reggina – Melfi. Ultima chiamata sul treno salvezza. La Reggina dopo l’importante vittoria contro ad Aversa è chiamata ad una prova di forza e di nervi contro un ostico avversario, qual è il Melfi. Gli amaranto sono mestamente ultimi in classifica a soli 22 punti, con un società al limite del fallimento e una stagione travagliata; l’ingaggio delle vecchie leggende ha aiutato in parte alla ricostruzione della squadra di Reggio e nelle ultime giornate la speranza salvezza non sembra più un’utopia. Una vittoria sabato pomeriggio al Granillo e qualche risultato favorevole dagli altri campi potrebbe dare speranze per il futuro calcistico di Reggio. Il Melfi, però, non si da già per sconfitto e dopo lo scialbo 0-0 casalingo contro il Martina, vuole tre punti fondamentali per allontanarsi quasi definitivamente dalla zona pericolante della classifica. (sabato ore 16.00 – arbitro Formato di Benevento)

Lupa Roma – Foggia. Ultima chiamata sul treno play-off. La Lupa Roma dopo un inizio campionato più che convincente, ha inanellato un girone di ritorno disastroso che le ha fatto lasciare le zone alte della classifica e settimana dopo settimana la sta trascinando verso l’abisso della zona play-out. La brutta sconfitta casalinga contro la Juve Stabia per 3-0 è stato un campanello d’allarme, i laziali sono chiamati a una vittoria nella partita del lunch time di domenica per fare un balzo deciso verso la salvezza. Il Foggia, invece, dopo la vittoria con il Cosenza sembra poter riprendere il discorso play-off. Gli uomini di De Zerbi hanno perso terreno nelle scorse giornate, ma hanno dalla loro l’entusiasmo della squadra senza pensieri e di un pubblico che sta cercando di trascinarli verso quel sogno che ad inizio stagione era impensabile. (domenica ore 12.30 – arbitro Piccinini di Forlì)

Juve Stabia – Ischia. Promozione e salvezza in una sola partita. L’ennesimo derby campano di giornata è una partita molto delicata per entrambe le formazioni. Le vespe di Castellammare provengono da una convincente vittoria contro la Lupa Roma e, complici dei risultati favorevoli, hanno conquistato la terza posizione in solitario in classifica. Gli stabiese non vorranno sicuramente mollare più la posizione attuale che garantirebbe loro, al momento, un posto sicuro nei play-off. L’Ischia, invece, ha fermato in casa la Casertana nella scorsa giornata  e cerca disperatamente dei punti salvezza per togliersi dalle paludi ed evitare un sorpasso da parte della Reggina. (domenica ore 14.00 – arbitro Capone di Palermo)

Martina – Barletta. Il posticipo serale del lunedì non mette nulla in palio. Infatti, sia Martina che Barletta hanno oramai più di un piede nella prossima Lega Pro, trovandosi entrambe nella zona centrale della classifica. Il Martina Franca proviene da un buon pareggio in casa del Melfi e cercherà di conquistare tre punti per assicurarsi definitivamente il pass per il prossimo campionato. Il Barletta è in un buon momento di forma dopo il cambio dell’allenatore, la vittoria casalinga sulla Paganese ha sicuramente scacciato gli incubi che aleggiavano in terra pugliese e oramai bastano pochi punti per pensare definitivamente al campionato che verrà. (lunedì ore 20.45 – arbitro Baldicchi di Città di Castello)

Categoria: Prossimo turno
Fonte: www.solosalerno.it