Baiano: “Le partite in serie B restano sempre imprevedibili, ma mi aspetto senza dubbio una vittoria dei rosanero»

Baiano: “Le partite in serie B restano sempre imprevedibili, ma mi aspetto senza dubbio una vittoria dei rosanero»

Intervenuto ai microfoni de “Il Giornale di Sicilia” Francesco Baiano, l’ex allenatore in seconda del Palermo, ai tempi di Sannino, si è così espresso in merito alla squadra rosanero in vista del match contro il Foggia:

«Nonostante la sconfitta di Empoli per me il Palermo resta una corazzata e in vista del match di lunedì parte decisamente favorito. Certo le partite soprattutto in serie B restano sempre imprevedibili, ma mi aspetto senza dubbio una vittoria dei rosanero».
Si è così espresso in merito al paragone tra Coronado e Miccoli: «Lasciamo perdere i paragoni con Miccoli. Fabrizio era un giocatore in grado di decidere le partite da solo. Coronado credo possa essere più incisivo da trequartista. Da centrocampista non ha fatto male ma a mio avviso questo ragazzo dovrebbe giocare più vicino alla porta avversaria».

In merito alla crisi da gol di Nestorovski: «L’assenza del gol è un fattore che certamente incide nella testa di questo ragazzo. Una situazione vissuta di recente anche da Mertens, tornato adesso a segnare con regolarità. Non deve diventare un’ossessione e il mio consiglio per Nestorovski è quello di non pensarci troppo».

Francesco Baiano, si è così espresso in merito al suo passato in rosanero: «Quando con Sannino tornammo dopo l’esonero ricordo che trovammo un ambiente già proiettato al campionato successivo. Il mister riuscì a riportare l’entusiasmo e probabilmente se fossimo stati richiamati prima, saremmo riusciti a centrare la salvezza. A Foggia feci parte di un gruppo di ragazzi affamati, guidati da un grande allenatore come Zeman. Furono per me due anni importanti che non dimenticherò mai».

Fonte: www.ilovepalermocalcio.com

Categoria: Rassegna stampa