Corda: «Foggia, giorni decisivi. Puntiamo al ripescaggio»

Corda: «Foggia, giorni decisivi. Puntiamo al ripescaggio»

In gran silenzio il Foggia sta programmando la prossima stagione, pensando quasi esclusivamente alla Serie C. A confermarlo il tecnico Ninni Corda, inviato in giro per l’Italia a visionare giovani da poter tesserare in caso di ritorno tra i professionisti. Se da un lato la querelle societaria lascia qualche perplessità rispetto a cosa potrebbe succedere, dall’altro Corda ha le idee abbastanza chiare su come e quando ripartire dal punto di vista tecnico. Un progetto fondato sullo zoccolo duro della squadra che ha fatto bene in D nell’ultima stagione a cui aggiungere una serie di rinforzi di qualità, attraverso collaborazioni mirate con Atalanta, Parma, Torino e Inter. «Nell’ultima settimana sono stato in giro per l’Italia a parlare con alcuni club di Serie A, tutti interessati a far crescere i propri giovani in una piazza come Foggia – esordisce l’allenatore -. Chiaramente stiamo ragionando in chiave Serie C, per quello che è stato l’ultimo campionato io sono molto fiducioso».

Alla finestra – Il Foggia osserva da lontano quello che sta succedendo a Bitonto, come terzo interessato rispetto al processo sportivo. «Siamo alla finestra e attenderemo la sentenza della giustizia sportiva, dall’altra parte c’è sempre la strada del ripescaggio da percorrere – prosegue l’allenatore -. Le prossime due-tre settimane saranno fondamentali per capire il nostro futuro. Nel frattempo non possiamo restare fermi». Corda sogna un girone meridionale della Serie C con tutte le grandi piazze: «Ad oggi ci sarebbero Palermo, Catania, Bari e Catanzaro. Se dovessimo esserci anche noi sarebbe straordinario, sono tutti club con un passato in Serie A».

Allenatore – Intanto, resta tutto fermo sul fronte allenatore, Corda conferma che in caso di professionisti tornerà a ricoprire un ruolo da dirigente nel club lasciando la panchina. «Abbiamo il tempo per costruire un progetto importante, non avendo l’esigenza di vincere subito come era indispensabile in Serie D – spiega -. Il nuovo tecnico? Aspetteremo il 5 agosto e capiremo cosa succederà sulle iscrizioni in serie C». Diverso è il discorso sui calciatori, lì Corda ha le idee chiare: «Ripartiremo da Gentile, Anelli, Gerbaudo, Salvi e Fumagalli – conclude -. Proveremo a prendere Kourfalidis dal Cagliari, poi vedremo in giro ce ne sono davvero tanti…».

Emanuele Losapio – La Gazzetta dello Sport

Categoria: Rassegna stampa