Foggia, agosto mese della verità due strade portano alla serie C

Foggia, agosto mese della verità due strade portano alla serie C

Luglio cede il passo al mese cruciale per il destino del Foggia. Entro agosto, quasi certamente, il club rossonero conoscerà il suo futuro, saprà in quale categoria giocherà nella prossima stagione. La società dauna è in bilico fra D e Lega Pro: si è iscritta al campionato 2020/21 di Serie D ma spera nel salto in terza serie, attraverso il ripescaggio o tramite l’ammissione diretta, se, in seguito all’inchiesta della procura federale sulla presunta combine avvenuta in Picerno-Bitonto del 2019, il club barese dovesse subire pesanti ripercussioni sul piano sportivo.

La prima data da cerchiare in rosso è quella del 4 agosto, quando si terrà un’importante riunione del Consiglio federale in cui verranno trattati diversi temi, tra i quali la procedura e i criteri di riammissione al campionato di C (per le retrocesse in D), le norme per l’integrazione dell’organico nei tornei professionistici in caso di rinunce o esclusioni di società aventi diritto, e il regolamento della Lega nazionale dilettanti per i ripescaggi in Lega Pro, con relativa graduatoria. Verranno fissati i criteri, requisiti e termini per depositare la domanda di ripescaggio.

L’anno scorso, per essere ripescati in C, occorreva garantire due fideiussioni (una dell’importo di 350mila euro e l’altra da 300mila euro), e un contributo a fondo perduto di 300mila euro, oltre alle tasse di ammissione al torneo. I club interessati, tra cui il Foggia, attendono di sapere se i requisiti resteranno gli stessi o se quest’anno, in ragione anche del contraccolpo economico determinato dal coronavirus sulle società, verranno ridotte le richieste quanto ad assegni e fideiussioni.

Il giorno successivo al Consiglio federale, il 5 agosto, scadrà il termine per le società della Lega Pro per presentare la domanda di iscrizione al torneo 2020/21 di Serie C. Le uniche proroghe sono state concesse alla Juventus Under 23, che avrà tempo fino al 12 agosto per inoltrare la domanda, e alle retrocesse dalla B alla C, che potranno presentare entro il 24 agosto le certificazioni e le garanzie economiche richieste. Entro fine agosto o al massimo i primi dieci giorni di settembre, la Figc dovrà aver definito il quadro delle 60 partecipanti al campionato di Serie C2020/21.

Nei prossimi giorni dovrebbe entrare nel vivo anche l’indagine della Procura federale sul caso Picerno-Bitonto. Sono state infatti fissate le date del 3 e 5 agosto perle audizioni degli indagati. In caso di ammissione diretta alla Lega Pro in sostituzione delle matricole Bitonto o Campodarsego (se anche il Legnago dovesse rinunciare alla promozione in C), il Foggia non dovrebbe versare il contributo a fondo perduto, né la fideiussione da 300mila euro per il ripescaggio.

Il presidente Felleca e l’imprenditrice sarda Pintus continuano intanto a inviarsi delle pec con reciproche proposte d’acquisto delle quote. La disputa per il controllo del club prosegue. I tifosi rossoneri si augurano che questa querelle ormai infinita termini a breve e che il club si faccia trovare pronto sul piano tecnico e finanziario per il possibile approdo in C.

La gazzetta del Mezzogiorno – Raffaele Fiorella

Categoria: Rassegna stampa