GdM – Foggia, tutti convocati dal sindaco

GdM – Foggia, tutti convocati dal sindaco

La telenovela estiva sul futuro assetto societario del Foggia prosegue. Una soap che non appassiona nessuno, cominciata più di due mesi fa. Tira e molla, contrasti, botta e risposta, trattative vere e presunte per l’ingresso di nuovi soci. Approcci e rinunce, proposte, retromarce. Tanto fumo, zero arrosto. Almeno per ora.

Da pochi giorni il foggiano Raffaello Follieri è tornato alla carica, con una nuova offerta per rilevare le quote del presidente Felleca (il 50% della Corporate, che controlla l’80% del Foggia) e dell’amministratore delegato Pelusi, proprietario del 20% del club rossonero. Il 20 giugno Follieri aveva dichiarato decaduta la sua proposta, in quanto non era stato trovato un accordo con la Pintus, socia di maggioranza del Foggia alla pari con Felleca. Tempo dieci giorni ed è arrivata la retromarcia: Follieri ha deciso di tornare in pista, sponsorizzato da Felleca e Pelusi, e oggi incontrerà il sindaco di Foggia Franco Landella, accompagnato proprio dal presidente rossonero e dall’a.d. Non ci sarà la Pintus, che continua ad avere riserve sull’opportunità, l’urgenza e la bontà di questa trattativa. L’incontro è previsto questo pomeriggio, alle 16, a Palazzo di città.

Rimane scettica anche gran parte della tifoseria rossonera, a causa dei guai con la giustizia che Follieri ha avuto in passato e dei suoi recenti tentativi di rilevare il Foggia, il Genoa, il Palermo ed il Catania, tutti terminati con un nulla di fatto. Il sindaco resta tiepido. «Non ho pregiudizi nei confronti di nessuno – ha detto Landella nei giorni scorsi alla Gazzetta – ma è un dato di fatto che Follieri abbia avuto in passato, negli Stati Uniti, problemi con la giustizia e restrizioni della sua libertà personale, dunque è legittimo che la città e i tifosi abbiano, in merito a questa trattativa, perplessità e timori. Quanto all’eventuale ingresso nel club di nuovi azionisti, c’è un certo fermento sia locale che da parte di imprenditori di fuori regione, perciò suggerisco alla società di essere aperta a tutte le possibilità e valutare ogni proposta, di non chiudere le porte, a priori, a nessuno».

Concetto, quest’ultimo, ribadito nelle scorse ore: «Su richiesta dei rappresentanti del Calcio Foggia 1920, incontrerò i dirigenti della società rossonera, accompagnati da Raffaello Follieri, per ascoltare la presentazione di un progetto sportivo – ha spiegato il primo cittadino -. Allo stesso modo, chiederò agli attuali soci del Foggia di poter dare spazio anche altre proposte di acquisto (parziale o totale) del pacchetto societario che sono giunte fino ad oggi, al fine di effettuare una valutazione oggettiva e poter selezionare il miglior progetto tra quelli che saranno proposti».

Intanto il tempo scorre, va programmata la nuova stagione. Entro il 24 luglio bisognerà iscrivere la squadra alla Serie D, in attesa che Figc e Lega dilettanti rendano noti criteri, requisiti, scadenze e graduatoria per i ripescaggi. Il Foggia potrebbe essere primo tra i club della D a causa dei problemi di Ostiamare e Savoia in merito all’agibilità dei rispettivi impianti.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno – Raffaele Fiorella

Categoria: Rassegna stampa