Le pagelle di Lecce-Foggia – Leali fa il possibile, Busellato perde la testa

Le pagelle di Lecce-Foggia – Leali fa il possibile, Busellato perde la testa

Leali 6,5 – Ripetutamente chiamato in causa dagli assalti del Lecce, spesso non irresistibili, ma lui non scivola e risponde presente. Si arrende soltanto al colpo di testa imparabile di La Mantia.

Billong 6 – Non ha responsabilità diretta sul timbro di La Mantia che assicura i tre punti ai salentini. Struttura fisica che gli consente di districarsi senza troppi affanni nei duelli fisici.

Loiacono 5 – Sorpreso dal lob al bacio di Petriccione, si perde alle spalle La Mantia che fa uno a zero. Buona dose di responsabilità sull’episodio chiave della gara che grava sul suo giudizio. Conclude la partita stremato dai crampi.

Ranieri 5,5 – Al ventiquattresimo riceve un cartellino giallo che giocoforza ne condiziona il prosieguo della contesa. Soffre le serpentine di Falco, che lo salta secco quando ne ha l’opportunità.

Ngawa 5,5 – Non patisce più del lecito il dirimpettaio Calderoni, anche se in alcune circostanze le sue letture non sono irresistibili. Di contro, è pressoché assente in fraseggio: spinta flebile ed eccessiva timidezza che lo allontanano dai riflettori. (Dal 67′ Cicerelli 5,5 – Non combina nulla dopo l’ingresso).

Agnelli 5,5 – Collabora con il resto della linea per organizzare quella compattezza che nel primo tempo ostacola con efficacia la costruzione dal basso dei giallorossi. Cala a picco per un malessere fisico che nel finale culmina in un sospetto guaio muscolare. (Dall’84’ Matarese s.v.).

Greco 5,5 – Non va oltre la giocata scolastica ed è ingabbiato nelle evidenti difficoltà in costruzione dei Satanelli. Il serbatoio si svuota celermente e, complice qualche acciacco, induce Padalino a richiamarlo alla base subito dopo il vantaggio leccese. (Dal 64′ Chiaretti 6 – Volenteroso, ma predica nel deserto).

Busellato 4 – Partecipa al palleggio quasi ridondante della prima frazione, affidandosi perlopiù ad appoggi in orizzontale. Nel mezzo, qualche errore: gestisce male alcune situazioni e rimedia un giallo evitabilissimo per un calcione gratuito su Venuti. Allo scadere perde la testa e si fa espellere per qualche parola di troppo all’indirizzo di Nasca.

Kragl 5 – Sinistro mortifero che non ha modo di pungere in un primo tempo trascorso nell’anonimato. Sorveglia senza troppo grattacapi Ngawa, ma in transizione non è coinvolto dai compagni. Prova a scuotersi nel secondo tempo, ma il canovaccio non muta.

Iemmello 5 – Lui e Mazzeo sembrano corpi estranei. L’asse non si scalda, si sbatte ma non riesce a ricevere palloni giocabili. Pomeriggio grigio in una giornata di grande festa per i rivali storici del Lecce.

Mazzeo 5 – La coperta in attacco è cortissima e Padalino si affida alla sua esperienza. Tocca pochissimi palloni e fa il solletico a Meccariello e Lucioni. Il feeling con Iemmello, nel complesso, non decolla.

Categoria: Pagelle
Fonte: tuttomercatoweb.com