Serie B, prende corpo l’ipotesi di un cambio del format: le ultime

Serie B, prende corpo l’ipotesi di un cambio del format: le ultime

La Serie B continua a vivere nell’incertezza, nonostante nel corso dell’assemblea di ieri sia stata ribadita la volontà di tornare in campo. Le esigenze dei club, però, vanno tutelate, ed è qui che sorgono problemi derivanti dall’applicazione di misure che non sembrano sostenibili. I club cadetti, come apprendiamo da salernitananews.it, avrebbero individuato il 20 giugno come data per la ripresa ma, considerando i tempi stabiliti nella succitata assemblea per la ripresa degli allenamenti (ovvero dieci giorni dopo l’emanazione di un protocollo che, ad oggi, continua a non essere ufficializzato) risulta complicato immaginare che le squadre possano essere pronte per quel giorno, considerando che dopo un simile stop i giocatori avranno bisogno di diverse settimane di lavoro per ritrovare la condizione e prepararsi a un tour de force davvero ostico.

Ecco che non va esclusa l’ipotesi di un cambio format per il campionato cadetto, soprattutto dopo che il Decreto Rilancio ha messo nelle mani della FIGC la possibilità di intervenire con un progetto di riforma sull’ordinamento dei campionati. Il momento sembra essere quello giusto e, con riferimento alla cadetteria, prende corpo l’ipotesi di una Serie B nuovamente allargata a 24 squadre, come accadde nella stagione 2003/2004, per effetto del blocco delle retrocessione. Dalla Serie C salirebbero Monza, Vicenza, Reggina e una quarta squadra da decidere, mentre lascerebbero la B per A ovviamente il Benevento, il Crotone e una terza squadra che potrebbe essere stabilita dai playoff (non è dunque da escludere che si disputino).

Fonte: www.pianetaserieb.it

Categoria: Serie B