Il CV di Nicola Canonico e il rifiuto a Di Silvio

Il CV di Nicola Canonico e il rifiuto a Di Silvio

Sembrava quasi fatta, dopo offerte e controfferte Francesco Di Silvio era ad un passo dal Foggia. Esatto, era. A strappare i satanelli dalle mani di Di Silvio&Co. c’ha pensato Nicola Canonico, imprenditore barese impegnato nel settore edile. Il comunicato diffuso dal Calcio Foggia 1920 ha sorpreso l’intero ambiente rossonero, testimonianza tangente che “i migliori affari sono quelli che si fanno a luci spente”. Già, proprio così, dopo un primo incontro tenuto in terra barese tra Maria Assunta Pintus e Nicola Canonico, le due parti hanno trovato un’intesa proprio quando tutto sembrava portare a Di Silvio. Con i riflettori puntati altrove, la Corporate -società che controlla l’80% del Calcio Foggia 1920- ha un nuovo componente, probabilmente di maggioranza.

I dettagli dell’operazione non sono ancora stati resi noti, saranno diffusi nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà domani alle ore 17:00 presso la Sala Stampa Antonio Fesce dello Stadio P. Zaccheria. Con Canonico non è esclusa la rivoluzione all’interno di Casa Foggia, partendo proprio dall’area tecnica.

CV CANONICO. Nicola Canonico è nato a Bari il 7 novembre del 1972 e nel 1996 fonda la C.N. Costruzioni Generali s.p.a., precedentemente RU.CA. Srl come si legge sul sito aziendale. La società è una realtà ben consolidata, stabile e affermata nel settore dei lavori pubblici e privati. Secondo il portale www.informazioni-aziende.it l’ultimo bilancio depositato da C.n. Costruzioni Generali S.p.a. nel registro delle imprese corrisponde all’anno 2019 e riporta un range di fatturato tra 6.000.000 e 30.000.000 di euro. La CN Costruzioni Generali spa è una società operante nell’erogazione di Servizi di Progettazione, Global Services, Installazione e Gestione Di Impianti che fin dal 2002 ha dato vita a numerosi progetti, offrendo soluzioni innovative, migliorative e ben congegnate, con un occhio sempre attento alla ricerca ed allo sviluppo nei settori dell’ICT. La C.N. COSTRUZIONI GENERALI S.p.a. dispone di personale altamente qualificato ed esperto nei servizi di manutenzione e “Gestione Commesse LL.PP”. L’organico conta circa 280 persone, tra cui: Ingegneri progettisti, Geometri, Tecnici specializzati, impiegati vari e personale di cantiere altamente qualificato.

Canonico è già noto al mondo del calcio per aver condotto il Bisceglie Calcio dai dilettanti fino alla Serie C. Oltre allo sbarco nei professionisti, a Bisceglie l’avventura di Canonico in Lega Pro -terminata nel 2020- ha visto una mancata qualificazione playoff -11° posto in classifica nel 2017/2018- e due retrocessioni consecutive. Nel 2019 l’ex patron del Bisceglie è finito anche nell’occhio della magistratura (leggi: Bisceglie Calcio, concluse indagini: fondi per lo stadio, nel mirino Spina e Canonico). Il nuovo volto rossonero tra il 2004 e il 2010 ha assunto incarichi politici come consigliere comunale di Bari e consigliere della giunta regionale pugliese.

Canonico, per la forza economica a sua disposizione ed il fiuto imprenditoriale, ricorda Pasquale Casillo, l’ultimo imprenditore che in solitaria investì nel Foggia Calcio, riuscendo a far sognare i tifosi rossoneri. Don Pasquale era il Re del Grano, Canonico è il Re dell’Edilizia Pugliese.

IL RIFIUTO. La bocciatura, quasi improvvisa di Di Silvio da parte di Maria Assunta Pintus, è difficile da spiegare. Proviamo a ricostruire quello che è successo dietro le quinte.

Probabilmente le garanzie economiche offerte da Canonico e la voglia di chiudere nel minor tempo possibile, hanno spinto la Pintus ad accettare l’offerta dell’imprenditore edile. La scadenza fissata al 28 giugno valida per iscrivere la squadra al campionato, la debitoria che lievita e la necessità di allestire una rosa competitiva, oltre alla programmazione generale della prossima stagione, sono fattori che hanno spinto la caravella Pintus ad attraccare nel porto di Canonico. Inoltre, Di Silvio spingeva per rilevare il 100% della Corporate, Canonico invece entra nel mondo rossonero affiancando la Pintus, dama sarda che resta -almeno per adesso- ancora protagonista del sodalizio rossonero.

L’attesa è finita, tra poche ore il futuro del Foggia sarà svelato.